Kai Winding, un americano di origini danesi

Credo che il trombonista Kai Winding (18 maggio 1922 – 6 maggio 1983) sia oggi uno dei jazzisti più dimenticati del jazz, eppure ha avuto alle spalle una carriera professionale ed artistica di tutto rispetto, arrivando persino al  successo commerciale quando negli anni ’60 registrò More di Riz Ortolani, il tema del film Mondo Cane. Ad aggravare la situazione, Kai Winding risultò purtroppo tra le centinaia di artisti il ​​cui materiale andò distrutto in un incendio del 2008 agli Universal Studios di Hollywood (California) assieme a partiture e master tape di circa 500.000 album e singoli che hanno dato forma alla storia della musica. Il che ha reso rintracciare oggi molte delle sue incisioni faccenda discretamente ardua, sicché è rimasto per lo più noto agli appassionati per le sue incisioni in coppia con il grande J.J. Johnson targate Jay &Kai.

Winding è nato il 18 maggio 1922 ad Aarhus, in Danimarca. Suo padre, Ove Winding, era un cittadino statunitense naturalizzato, per cui Kai e la famiglia tutta, sebbene nati all’estero, erano da considerare cittadini statunitensi. Kai si laureò nel 1940 alla Stuyvesant High School di New York City e quello stesso anno iniziò la sua carriera come trombonista professionista con la band di Shorty Allen. Successivamente, ha suonato con Sonny Dunham e Alvino Rey fino a quando è entrato nella Guardia costiera degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale. Dopo la guerra, Winding ha avuto modo di entrare nell’orchestra di Benny Goodman, poi di Stan Kenton. E’ stato uno dei partecipanti alle storiche sessioni di Birth of the Cool nel 1949, apparendo su quattro delle dodici tracce. Nel 1954, su sollecitazione del produttore Ozzie Cadena, Winding iniziò una lunga associazione con Johnson, registrando eccellenti duetti di trombone per la Savoy Records e poi la Columbia arrivando a conquistare l’attenzione di pubblico e critica, componendo e arrangiando molte delle opere incise dai due.

Durante gli anni ’60, Winding iniziò un’associazione con Verve Records e il produttore Creed Taylor, pubblicando la prima versione di Time Is On My Side nel 1963 prima che fosse registrato da Irma Thomas e dai Rolling Stones. Winding ha nuovamente sperimentato diversi contesti musicali, registrato album da solista e persino Modern Country, un album di musica country registrato con Anita Kerr Singers. Ha seguito Creed Taylor quando si è proposto nella veste di produttore per le sue etichette A&M/CTI, realizzando ancora altri album in coppia con J.J.Johnson intitolati rispettivamente Israel (A&M/CTI, 1968), Betwixt & Between (A&M/CTI, 1968) e Stonebone (A&M/CTI [Japan], 1969). E’ stato anche  membro del gruppo All Stars denominato Giants of Jazz, che nel 1971 fu protagonista di una serrata tournée internazionale di concerti, rintracciabili sia su disco che in filmato.

Kai Winding è morto a causa di un tumore al cervello a New York City nel 1983. La sua discografia da leader presenta diversi titoli che datano dal 1945 (Loaded) sino al 1981 (Trombone Summit, per la tedesca MPS, registrato in compagnia di Albert Mangelsdorff, Bill Watrous, Jiggs Whigham), ma lo si ritrova anche in diverse partecipazioni da sideman in incisioni importanti di Stan Kenton, Pete Rugolo, Quincy Jones, Zoot Sims, di colleghi come Curtis Fuller e Carl Fontana, di cantanti come Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald, Tony Bennett, Dinah Washington, Chris Connor e persino occasionali incontri con Charlie Parker, Stan Getz, Gerry Mulligan, Paul Desmond e altri ancora. Propongo alcune tracce e filmati rintracciati in rete tra cui anche un duetto  con il nostro Dino Piana. Buon ascolto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...