Oscar Peterson è solo tecnica e “muscolarità”?

Questo blog si occupa periodicamente (ma per certi versi dovrei dire insistentemente) di smontare stereotipi e cliché critici ormai antichi ma ancora molto diffusi in materia di jazz, che poi non hanno concreti riscontri rispetto a un ascolto un po’ più serio e approfondito. Lo si fa non tanto per forzato spirito polemico ma per favorire una migliore comprensione anche di ciò che la contemporaneità musicale propone in ambito di jazz e di musiche improvvisate.

Uno di questi stereotipi ha riguardato e ancora riguarda un grande improvvisatore del jazz come Oscar Peterson, da molti visto come un mero “tecnico” del pianoforte, un “notaiolo” poco espressivo, tutto swing e “muscolarità”, proponente un jazz, semplificando al massimo, per gusti musicali non troppo raffinati. Niente di più superficiale e più falso si potrebbe affermare sul suo conto e gli esempi che si potrebbero portare sono moltissimi. Tra questi, oggi ho scelto di proporre una traccia estrapolata da un suo bel disco in trio inciso a Chicago nei primi anni ’60 in compagnia di Ray Brown e Ed Thigpen, forse la formazione migliore che abbia avuto in carriera e con la quale ha prodotto probabilmente le sue opere migliori.

Il fatto è che il modo di produrre swing e di elaborare ritmicamente un tema del trio arriva a livelli di equilibrio e di perfezione formale per nulla semplici da raggiungere, oltretutto elaborando uno stile esecutivo pressoché inconfondibile oltre che peculiarmente afro-americano. Un modo di trattare la forma del Trio molto diverso ma non meno sofisticato di quello da noi maggioritariamente apprezzato e derivabile, giusto per intenderci, dal cosiddetto modello evansiano, decisamente più “bianco”.

la versione di I’ve Never Been in Love Before è in questo senso esemplare e non possiede meno sostanza musicale e sofisticazione rispetto ad altre. Buon ascolto.

4 pensieri su “Oscar Peterson è solo tecnica e “muscolarità”?

  1. Se si ha voglia di divertirsi un po’, su YouTube si trova un “simpatico” siparietto fra Bollani e Rava: ad un certo punto nel video Bollani suona una sequenza di accordi evocando il buon Peterson, Rava fa una smorfia di disgusto osservando che i riferimenti “appropriati” intesi come fonti cui abbeverarsi per un pianista jazz sono quelli di Monk e Bud Powell.
    La visione “raviana è che il jazzista autentico è colui che si pone in contrasto con il contesto economico e sociale esistente dominato dal capitale. E solo dalla contrapposizione e dalla rottura che nasce l’arte. Il resto è intrattenimento per di più rivolto ai bianchi o a neri imborghesiti.
    Persino l’apprezzamento verso Bill Evans non si spiega solo con la militanza nel combo di Davis, ma si nutre dei suoi tormenti esistenziali che qualche sedicente critico identifica nel rifiuto della società borghese (giuro che l’ho letto e sentito alla radio!).
    Che dire, in tutto questo dov’è la musica con i suoi contenuti che il pianismo di Peterson incarna appieno? E poi, come si può non accorgersi che la cultura afroamericana esprime un universo variegato ove hanno pari dignità stili tra loro diversi come appunto quelli di Monk e Peterson, ma egualmente riconducibili ad un unico solido patrimonio che va preso per intero.

    "Mi piace"

    1. quel video a cui ti riferisci l’avevo già linkato a suo tempo sul blog. Cosa vuoi che ti dica? in quel video Rava si qualifica da sé, precisando che la sua musica è per quel che mi riguarda la stessa cosa che hai scritto riguardo al suo presunto opposto: “intrattenimento per di più rivolto ai bianchi imborghesiti” cui, aggiungo io , non piace lo swing. In quel senso (mancanza di swing) Rava è l’ideale.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...