Un norvegese a New York

Vi è una consistente schiera di jazzisti europei (e non solo europei) i quali sono riusciti a dare un impulso decisivo alla loro carriera e affermarsi internazionalmente trasferendosi o, perlomeno, passando un consistente periodo formativo e professionale negli Stati Uniti, con particolare riferimento a New York, considerata da sempre la capitale musicale mondiale, peraltro non solo del jazz.

Lage Lund (nato il 12 Dicembre 1978) è un chitarrista norvegese che rappresenta uno di questi casi. Dopo aver abbandonato il suo sogno di diventare uno skateboarder professionista, Lund concentrò la sua attenzione verso la musica e prese in mano la chitarra all’età di 13 anni. Presto fondò il suo trio esibendosi in concerti locali, e a 16 anni gli fu permesso di iniziare a suonare con una certa regolarità.  L’occasione di una borsa di studio al Berklee College of Music, lo ha portato a trasferirsi a Boston dopo il diploma. Lì ha trovato una grande comunità di musicisti con la quale interloquire musicalmente. Una seconda borsa di studio, stavolta  della Fulbright foundation gli offrì l’opportunità di trasferirsi a New York, dove nel 2003 è entrato alla celebre Juilliard School come primo chitarrista elettrico nella storia della scuola, con conseguimento del diploma nel 2005.

Da allora la presenza di Lund nei club e nei luoghi dedicati al jazz di New York è diventata costante. Allo stesso tempo è diventato un sideman ricercato lavorando con  una varietà di musicisti affermati come Carmen Lundy, Wynton Marsalis, Eric Revis, Seamus Blake e altri ancora. La conquista del primo posto al Thelonious Monk International Jazz Competition del 2005 gli ha permesso di ottenere un riscontro anche al di fuori della Grande Mela, considerato presto come uno dei migliori chitarristi emergenti del jazz, arricchendo le proprie esperienze con Ron Carter, Mulgrew Miller e Maria Schneider.

Lund ha pubblicato il suo primo album solista Early Songs nel 2008 per la Criss Cross, specializzata nel pubblicare i lavori dei migliori talenti emergenti sulla scena newyorkese, seguito da Unlikely Stories nel 2010, seguito nel 2012 da un album dal vivo Four – Live At Smalls prima che arrivassero Foolhardy nel 2013 e Idlewild nel 2015. Ha poi collaborato discograficamente con colleghi di casa Criss Cross come David Sanchez, Matt Brewer, Zach Brock, Will Vinson e Jimmy Greene, tra gli altri.

Dotato di una eccellente tecnica chitarristica e di buone idee, nel suo stile, prossimo ad una sorta di mainstream aggiornato, si coglie la lontana influenza nell’approccio allo strumento di un Jim Hall e quella più prossima di un John Abercrombie, pur mantenendo una sua chiara identità.

Porto qui un esempio estratto da un suo recente concerto in Trio, composto da:

Lage Lund, guitar Jared Henderson, bass Johnathan Blake, drums – Recorded October 4, 2017 at The Red Room at Cafe 939, Berklee

Buon ascolto e buon fine settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...