La Concert Jazz Band di Gerry Mulligan

L’esperienza quadriennale di Gerry Mulligan nel condurre nei primi anni ’60 la Concert Jazz Band è forse stata tra le più gratificanti della sua carriera e questa una delle big band più interessanti di quel decennio. Un’orchestra composta da strumentisti eccezionali, come Zoot Sims, Bob Brookmeyer, Clark Terry, Don Ferrara, Willie Dennis e Mel Lewis, e arricchita da composizioni e arrangiamenti preparati oltre che dal leader, da musicisti già affermati nel campo (Bob Brookmeyer, Bill Holman, Johnny Mandel, Al Cohn, George Russell e Johnny Carisi) ed emergenti (Gary McFarland).

Come scrisse giustamente Arrigo Polillo nel suo “Jazz” in quell’orchestra “…si conciliavano sofisticazione armonica e forza ritmica, semplicità e complessità, e i facili effetti erano severamente banditi…” una frase che potrebbe valere come sintetico riferimento anche per il jazz di oggi, troppo spesso noiosamente complesso nelle strutture e ritmicamente rigido, o quasi nullo.

E’ stata un’orchestra che, oltre a mettere in mostra l’originalità di scrittura dei suoi arrangiatori, certamente rivelava una sintesi delle migliori esperienze delle big band del passato, con una spiccata influenza dell’orchestra di Duke Ellington, soprattutto a livello di colori e timbriche, per quanto emergesse chiaramente il concetto mulliganiano, già sviluppato nei suoi precedenti pianoless quartet, fatto più di contrappunto e dialogo che del semplice uso di eccitanti riff e tradizionali contrapposizioni tra le sezioni dell’orchestra.

Mulligan ebbe modo di ricomporre quell’orchestra, per lo più con altri elementi, solo decenni dopo, intorno alla seconda metà degli anni ’80 (se non ricordo male). Ascoltai, a proposito, quell’orchestra a fine anni ’80 alla Grande Parade du Jazz a Nizza, dove assistetti ad una esibizione coinvolgente e di altissimo livello qualitativo, per me ancora oggi memorabile.

L’orchestra ha lasciato alcuni splendidi dischi registrati per la Verve e poi ricomposti in un bel cofanetto Mosaic, ma successivamente venne documentata la notevole tournée europea, svoltasi nel novembre del 1960, che toccò anche Milano, oltre a Berlino e Parigi.

Del concerto parigino sono uscite postume delle registrazioni. Ne propongo qui un paio di brani rintracciati in rete, giusto per gustare di nuovo l’eloquente, ma anche ricercato sound e i grandi solisti di quella magnifica orchestra.

Buon ascolto

Un pensiero su “La Concert Jazz Band di Gerry Mulligan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...