Charles McPherson, non solo Parker e Mingus

Charles McPherson è un contraltista nato nel luglio del 1939 a Joplin, Missouri, e cresciuto a Detroit, Michigan, noto soprattutto per il suo lavoro con Charles Mingus nel periodo 1960-1972 come una delle voci soliste più efficaci ed espressive dei suoi gruppi. Memorabile, a tal proposito, la sua prestazione in Mingus at Monterey, uno dei massimi capolavori “live” del jazz e del contrabbassista di Nogales. Il suo ricco stile musicale, radicato nel blues e nel bebop, ha influenzato e ispirato generazioni di musicisti e ascoltatori.

McPherson ha sviluppato la passione per la musica in giovane età, iniziando a sperimentare il pianoforte sin da bambino. Si trasferì a Detroit nel 1948 all’età di nove anni, in un periodo in cui Detroit ospitava una delle comunità jazz più vivaci del paese (Pepper Adams, Paul Chambers e Elvin Jones, tra gli altri). La sua nuova casa stava  nello stesso quartiere del suo futuro mentore, il pianista Barry Harris, così come del suo amico e futuro compagno di avventure musicali, il trombettista Lonnie Hillyer (anch’egli affermatosi negli stessi anni con la band di Charles Mingus).
Dopo aver cominciato a suonare la tromba, McPherson passò al sassofono contralto a tredici anni. All’epoca, la sua conoscenza del jazz era legata alle big band dell’Era Swing e dei relativi solisti, tra cui Johnny Hodges. Sulla base delle raccomandazioni di un compagno di classe, McPherson ebbe modo di ascoltare la musica di Charlie Parker. Pur non avendone una buona conoscenza teorica, seppe immediatamente che il be-bop sarebbe stata per lui la musica da suonare.

Da allora, McPherson si immerse nella cultura jazz di Detroit, modellando il suo stile. A quindici anni, iniziò a frequentare Barry Harris, oltre a studiare brevemente sassofono presso la Larry Teal School of Music di Detroit. McPherson iniziò anche a esibirsi con altri futuri jazzisti, tra cui il citato Hillyer, Roy Brooks e Louis Hayes, nonché con le future leggende della Motown, il bassista James Jamerson e il batterista Richard “Pistol” Allen.

All’età di diciannove anni, McPherson lavorava ormai regolarmente in tutta Detroit e si trasferì a New York, nel 1959, assieme ad altri giovani musicisti della città, inaugurando la sua associazione con Charles Mingus, durata per ben dodici anni, e che lo portò rapidamente all’attenzione generale. A metà degli anni ’60, McPherson cominciò a registrare anche con altri musicisti, tra cui il trombettista Art Farmer. il suo primo disco come leader, Bebop Revisited, fu di ottima riuscita e registrato nel 1964 con Carmell Jones alla tromba, Barry Harris al pianoforte, Nelson Boyd in contrabbasso e Albert “Tootie” Heath alla batteria. Verso la fine del decennio, McPherson cominciò a lavorare di più con suoi gruppi in compagnia dell’immancabile Barry Harris, producendo ottimi dischi per la Prestige.

Smesso di suonare con Mingus, negli anni ’70 McPherson  continuò a  incidere come leader e come sideman per etichette come Mainstream e la Xanadu del benemerito Don Schlitten. Si trasferì a San Diego, in California nel 1978 e da allora ha mantenuto una carriera attiva come esecutore e educatore. Da riconosciuto eccellente discepolo parkeriano, nel 1988 McPherson è stato utilizzato nella colonna sonora del film Bird di Clint Eastwood come la voce sassofonistica di Charlie Parker in diverse scene. La sua discografia presenta diversi lavori pregevoli, specie nei dischi degli anni ’60 e ’70, ma anche nella produzione più recente si rivelano sue prestazioni di alto livello e musicalmente fresche, pur rimanendo basilarmente fedele ad un consolidato linguaggio “mainstream”. Tra queste consigliabile è Manhattan Nocturne, mentre la sua più recente registrazione, Love Walked In, è stata pubblicata nel febbraio 2016.

McPherson ha visitato in tour concertistici tutti gli Stati Uniti, Europa, Africa, Sud America e Giappone. Oltre agli artisti citati, ha registrato con molti altri grandi del jazz, tra cui Pepper Adams, Nat Adderley, Toshiko Akiyoshi, Randy Brecker, Jaki Byard, Ron Carter, Paul Chambers, Alan Dawson, Kenny Dorham, Kenny Drew, Billy Eckstine, Tommy Flanagan, Lionel Hampton, Tom Harrell, Billy Higgins, Sam Jones, Clifford Jordan, Duke Jordan, Brian Lynch, Wynton Marsalis, Pat Martino, Cecil McBee , Jay McShann, Mulgrew Miller, James Moody, Dannie Richmond, Red Rodney, Cedar Walton, Phil Woods, Snooky Young.

McPherson è anche un compositore molto attivo. Il suo ultimo lavoro su larga scala, Sweet Synergy Suite, è il prodotto di una sovvenzione del fondo Creative Catalyst Fund della Fondazione di San Diego. Il lavoro mescola bebop e musica afro-latina con balli e stili di danza moderna, con le coreografia di Javier Velasco. Oltre ad essere esecutore e compositore, McPherson è anche un educatore rispettato e richiesto nelle più importanti università del paese, ottenendo diversi riconoscimenti pubblici. Come per molti altri grandi jazzisti americani (di vecchia e nuova generazione) non appartenenti al nostro chiuso giro di agenzie, è molto difficile poterlo apprezzare in Italia. Personalmente ho potuto apprezzarlo nei primi anni Duemila con la Vanguard Jazz Orchestra al Teatro Manzoni di Milano nell’ambito della purtroppo defunta manifestazione domenicale di “Aperitivo in Concerto”, dove, ricordo bene ancora oggi, suonò una meravigliosa versione di Body and Soul.

McPherson attualmente vive a San Diego con sua moglie Lynn e mantiene un attivo programma di esecuzioni, registrazioni, composizione e insegnamento. Propongo a compendio tre brani tratti da tre diversi momenti della sua attività e in diversi contesti formali, incentrati tra anni ’60 e ’70.

Buon ascolto

Un pensiero su “Charles McPherson, non solo Parker e Mingus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...