Il concerto (alternativo) del primo maggio

Miguel Zenón (portoricano nato a San Juan, il 30 dicembre 1976) è uno dei compositori e contraltisti più importanti e interessanti presenti sulla scena contemporanea della musica improvvisata, non solo del jazz. Il suo eclettismo musicale gli permette di essere presente ad alti livelli in diversi ambiti musicali e stilistici, evitando accuratamente il rischio di una certa superficialità di approccio che contraddistingue invece parecchio eclettismo odierno. Ne sono a dimostrazione i suoi decisivi contributi in contesti musicali assai diversi, come ad esempio quello che gioca all’interno del SF Jazz Collective, nella veste di membro fondatore, o in ambito di musica contemporanea per quartetto/quintetto di sassofoni nel gruppo Prism. Già in possesso di importantissimi riconoscimenti professionali e artistici tra cui un Guggenheim Fellowship e un MacArthur Fellowship, Zenón ha all’attivo molti album da leader e oltre 70 registrazioni nel ruolo di sideman.

In contatto sin da giovanissimo con diversi generi musicali, Zenón si trasferisce a Boston nella primavera del 1996 per implementare i suoi studi al Berklee College of Music, avendo come compagni di corso giovani allievi che godranno poi di fama internazionale, come Antonio Sánchez, Anat Cohen, Avishai Cohen e Jeremy Pelt. Dopo la laurea al Berklee, Zenón ha frequentato la Manhattan School of Music, dove si è perfezionato con Dick Oatts, Nils Vigeland e Ludmila Ulehla, conseguendo un master nel 2001 prima di trasferirsi a New York City.  In qualità di sideman, Zenón è in possesso di un prestigioso e vario curriculum di esperienze, tra cui nientemeno che: Charlie Haden, Fred Hersch, Kenny Werner, David Sánchez, la Vanguard Jazz Orchestra, la Mingus Big Band, Ray Barreto, Jerry González & The Fort Apache Band, Jeff Ballard Trio, Bobby Hutcherson, Steve Coleman, Brian Lynch, Antonio Sánchez, Miles Okazaki, David Gilmore e Jason Lindner, il che ha certamente contribuito a renderlo quel musicista completo che oggi conosciamo.

Dal 1999 Zenón ha iniziato a riunirsi con il batterista messicano e compagno di studi Antonio Sánchez, il bassista austriaco Hans Glawischnig (conosciuto nella esperienza comune con la band di David Sanchez ) e il pianista venezuelano Luis Perdomo (compagno di studi di Glawischnig alla Manhattan School of Music) formando un suo quartetto. Il Miguel Zenón Quartet ha iniziato esibendosi in vari luoghi della metropoli americana. Nel 2005 Sanchez è stato ingaggiato nel Pat Metheny Group e sostituito dal batterista portoricano Henry Cole, con il quale la formazione è divenuta fissa.

Proprio in questa versione definitiva propongo il quartetto in un concerto del 2013 che ho rintracciato in rete registrato al mitico Village Vanguard di New York e che può valere come concerto del 1° maggio alternativo a certe storiche abbuffate in versione “insalata mista musicale” senza né capo né coda cui siamo abituati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...