Dexter Gordon in Holland

Non sto certo qui a decantare le qualità di un sassofonista e improvvisatore straordinario come Dexter Gordon, curiosamente poco citato oggi quando si parla di tenorsassofonisti, ma che ha influenzato diffusamente generazioni di improvvisatori, per quanto inimitabile. Non a caso Kurt Elling ha ripreso interi spezzoni di assoli di Gordon per riscrivere le sue versioni cantate di noti standard (Body and Soul). Suono inconfondibile, gestione del tempo in assoluto relax e sicurezza, coerenza e immaginazione nella costruzione dell’assolo, con spiccata capacità di inserire citazioni pertinenti all’interno di esso, sono tra le sue maggiori qualità che ne hanno fatto uno degli improvvisatori più dotati del jazz.

Lo propongo oggi in un filmato interessante in cui entra in un club a suonare come per noi si dovesse entrare in un locale per cenare. Solo che lui prende la scena con il suo sassofono ordinando il tempo alla ritmica già in azione nell’attesa del suo arrivo, spiccando il volo con una magistrale versione di A Night In Tunisia.

Si tratta di una registrazione effettuata in un locale olandese nel 1964 dove Gordon è accompagnato da una ritmica che vede tra le sue fila alcuni dei più rinomati jazzisti europei dell’epoca. Una ritmica costituita cioè da George Gruntz al piano, Guy Pedersen al contrabbasso e Daniel Humair alla batteria. Due di questi hanno fatto parte anche della mitica European Rhythm Machine di Phil Woods.

Buon ascolto e buon fine settimana

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...