Un tesoro nascosto: Roger Kellaway Cello Quartet

a-296954-1195853236-jpegAbbiamo già avuto modo di parlare diffusamente di Roger Kellaway in altre occasioni, un pianista poco conosciuto in Italia ma bravissimo e di vasta cultura musicale. Nato a Waban, Massachusetts, classe 1939, da tempo Kellaway risiede in California, luogo dal quale non ama molto andarsene e, anche per questo motivo, in Italia lo si è potuto ascoltare in concerto soltanto un paio di volte, l’ultima delle quali è stata al Teatro Manzoni di Milano a fine novembre 2015 (qui la recensione del concerto).

Si accennava non a caso alla sua vasta cultura musicale, in quanto la sua educazione di base e la sua attività professionale in carriera gli hanno permesso di svariare in una molteplicità di settori, evidenziando un (sano) eclettismo davvero raro da riscontrare. E’ stato infatti allievo del New England Conservatory e ha composto opere commissionate per orchestra, ensemble da camera, big band e piccole formazioni jazz, nonché per produzioni cinematografiche, televisive, balletti e produzioni teatrali.  Nel corso della sua carriera ha lavorato con Lena Horne, Elvis Presley, Barbra Streisand, Joni Mitchell, Natalie Cole, Caterina Valente, Oliver Nelson, Henry Mancini, Thad Jones, Quincy Jones, Clark Terry & Bob Brookmeyer e decine di altri.

Oggi però vorrei parlare di uno dei suoi lavori più importanti e riuscite commistioni tra jazz e musica da camera. Si tratta del Roger Kellaway Cello Quartet una formazione composta dal violoncellista Edgar Lustgarden, il bassista Chuck Domanico e percussionista Emil Richards che ha inciso un disco omonimo nel 1970 per A&M considerato un capolavoro del genere, con una replica nel 1974 in Come To The Meadow. Il brano che dà il titolo a questo secondo disco è stato usato come sigla per il programma NPR Selected Shorts. Per l’album del 1978 Nostalgia Suite il gruppo è diventato poi un quintetto con l’aggiunta del batterista Joe Porcaro.

Per l’occasione propongo giusto quel brano sigla e l’intero disco che ho potuto rintracciare in rete. Tra l’altro, quel tema l’ha eseguito in piano solo proprio nel concerto milanese cui si accennava.

Buon ascolto.

r-4573422-1368784036-1014-jpegCome To The Meadow

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...