Le basi del pianismo jazz moderno

bud-powellOggi, giornata di festa infrasettimanale che fa da preludio alle feste natalizie, lascio lo spazio più alla musica che allo scritto, proponendovi questo straordinario filmato che ci mostra il grande Bud Powell in azione, con quelle dita lunghe che si appoggiano sorprendentemente quasi in maniera vellutata sulla tastiera, con un approccio che pare contrastare con l’idea che ci si potrebbe fare del pianista ascoltando solamente la resa sonora. Non sto qui a descrivere la grandezza di questo gigante del pianoforte che ha fatto (e ancora fa) da riferimento per qualsiasi pianista del jazz moderno venuto dopo di lui perché dovrebbe essere nota, per quanto oggi se ne parli relativamente poco, in quanto oggettivamente si è andati da un pezzo oltre il linguaggio be-bop duro e puro e certo esso non può essere considerato oggi il linguaggio guida nel jazz, ma certamente la sua pratica è ancora oggi imprescindibile per qualsiasi pianista jazz che voglia definirsi tale.

Non aggiungo altro per quanto ci sarebbe da scrivere molto, cosa che magari farò in altra occasione. Godiamoci per ora il filmato.

Buon ascolto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...