Steve Lacy & Don Cherry: il “vecchio” visto dal “nuovo”

Sempre alla ricerca di documenti discografici che dimostrino il forte legame dei musicisti del nuovo corso del jazz negli anni ’60 con la tradizione, sostanzialmente mai abbandonata (al di là di supposte radicali “rivoluzioni” jazzistiche di cui si è sempre esageratamente, e forse anche impropriamente, narrato), per il fine settimana propongo uno dei dischi migliori sia nella discografia di Steve Lacy che in quella di Don Cherry, ossia quell’ Evidence che rielabora alcuni temi di due dei principali compositori del jazz ossia, Duke Ellington e Thelonious Monk. Entrambi alfieri del jazz più avanzato di quegli anni, hanno sempre mostrato grande amore e rispetto per la musica di questi due geni del jazz, in particolar modo Steve Lacy, che può essere considerato il più grande interprete di Monk e uno dei più originali anche su Ellington. Tra l’altro Lacy è andato a recuperare un brano del Duca relativamente poco suonato ma bellissimo, il che è indicativo di quale profonda conoscenza egli avesse di certo repertorio. Si potrebbe dunque ben dire che non c’è innovazione senza profonda conoscenza della tradizione e sarebbe bene non scordarlo mai.

Il disco è stato registrato nel novembre del 1961 e pubblicato l’anno successivo nella collana di musica più “avanzata” della Prestige nel periodo, ossia la New Jazz. Quindi stiamo parlando di un disco nato quasi un anno dopo l’epocale Free Jazz di Ornette Coleman, con il movimento della cosiddetta “New Thing” che stava definitivamente per emergere. Ovviamente la cosa non è occasionale, in quanto elementi di profondo aggancio con la tradizione si possono rilevare pressoché in tutti i maggiori esponenti di quella stagione musicale.

Tutto il disco è considerabile un capolavoro ed è assolutamente indispensabile che ogni jazzofilo lo abbia in discoteca. La formazione è la seguente:

Steve Lacy- sax soprano
Don Cherry- tromba
Carl Brown- basso
Billy Higgins- batteria

Buon ascolto.

downloadThe Mistery Song

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...