il jazz “impegnato” di Max Roach

Max_Roach-We_Insist!_Max_Roach's_Freedom_Now_Suite_(album_cover)

Si parla troppo poco di Max Roach. Probabilmente è riduttivo considerarlo anche solo quello splendido batterista che è stato. E’ stato ben di più: un leader e un musicista a tutto tondo, oltretutto socialmente e politicamente impegnato, anche se, come al solito, la cosa è stata a suo tempo strumentalmente utilizzata in Italia, come per tutto il jazz purtroppo, per fini del tutto impropri riportati al miserrimo scontro ideologico nostrano degli anni ’70.

Ho rintracciato in rete un video davvero interessante che vi propongo nell’occasione, registrato in Europa per la tv belga nel periodo successivo all’incisione di “Freedom Now Suite”.

Si possono ascoltare nitidamente anche tutti i componenti del gruppo di allora, formato da Clifford Jordan al sax tenore, Coleridge Perkinson al piano, Eddie Kahn al contrabbasso e Abbey Lincoln alla voce, in una sorta di medley tra brani di quel disco e standard come Sophisticated Lady e Love For Sale.

buon ascolto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...