Good News da Seattle…

hqdefault

Mentre in Italia si descrivono nei vari referendum ed elenchi di dischi di fine anno sempre gli stessi scenari iperstatici, abbastanza ammuffiti per il jazz e gli stessi nomi di musicisti ormai prossimi alla pensione, forse in attesa che qualcuno magari sblocchi per loro la Legge Fornero, che garantirebbe oggi la pensione solo in prossimità della bara, negli U.S.A. nuove musiche e giovani virgulti emergono nell’assoluto nostro disinteresse critico, tesi come siamo all’affermazione provinciale del nostro “prodotto”, notoriamente “il secondo al mondo”.

Chissà se se ne sono resi conto finalmente quegli “sporchi yankee” del nostro “made in Italy” musicale. Nel frattempo, in quell’incolto luogo sede dello sfruttamento capitalistico guerrafondaio, si osservano emergere sempre nuovi giovani talenti. Pare dunque non esistere  solo la scena di New York e Chicago circa il fermento di nuove proposte. Buone notizie arrivano anche da Seattle con un gruppo che di nome fa Industrial Revelation

Potete sentire un assaggio qui e rimando al pezzo pubblicato stamane su Free Fall Jazz dell’amico Niccolò Carli per un brano più “mosso” del loro repertorio.

buon ascolto

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...